Jacobus Henricus Van‘t Hoff e la nascita della Stereochimica

by Roberto Poeti

This post is also available in: blankEnglish (Inglese)

Jacobus Henricus Van‘t Hoff e la nascita della Stereochimica

La nascita della stereochimica è legata al nome di Van’t Hoff che nella foto di gruppo è ritratto con i grandi chimici della fine ottocento . Al centro della foto , seduto ,  Mendeleev . Van’t Hoff è seduto , ultimo a sinistra .

blank

Il suo saggio

Nel settembre del 1874  uscì il suo saggio iintitolato :

Una proposta sulla estensione nello spazio delle formule di struttura attualmente usate in chimica . E un appunto sulla relazione tra l’attività ottica e la costituzione  chimica dei composti organici

Nel suo saggio , che riproponiamo , sono contenute le basi delle sue intuizioni . Senza quello che Van’t Hoff  ha scoperto , oggi non parleremo di molecole . Il saggio è preceduto da un breve commento   e la presa di posizione negativa di Kolbe, uno dei più autorevoli chimici del pempo . Questo fa comprendere le difficoltà che ebbe la comunità scientifica  internazionale ad accettare le proposte di Van’t Hoff .

Una breve sintesi del saggio

Si è introdotti alla scoperta delle ragioni della isomeria ottica con l’assunzione della forma tetraedrica delle quattro valenze del carbonio. Con questa  struttura  rende conto del fenomeno della isomeria ottica dei composti  . La nuova ipotesi è sviluppata attraverso quattro postulati, accompagnati da esempi esplicativi. Il campo della isomeria viene esteso alla  isomeria geometrica, che è legata alla presenza di due valenze tra due atomi di carbonio. La relazione tra geometria della molecola e legame chimico si perfeziona con la tripla valenza tra due atomi di carbonio.

Una relazione  insolita

 

Questi tre oggetti  , due molecole derivati del metano  , due cristalli di quarzo e i codini di due maialini   hanno in comune  qualcosa .  Ciascuna coppia  è immagine speculare dell’altra . Nei cristalli di quarzo  e nei due derivati del metano   si parla di isomeria ottica . Ma lasciamo parlare Jacobus Henricus van‘t Hoff  attraverso il suo bellissimo saggio .

Il saggio

Una copia è  l’originale  in lingua inglese  . L’altra è la traduzione . Quella in lingua italiana è preceduta da una introduzione.

 

 

Altri articoli che si trovano  in questo sito sulla stereochimica

La stereochimica dei cristali in una botte di vino

Dalla valenza alle molecole in 3D

 

 

This post is also available in: blankEnglish (Inglese)

Articoli Correlati