La Tesi di Maria Curie sulla scoperta del Radio e del Polonio

Nella Tesi per il suo dottorato, discussa nel 1903, Maria Curie presenta i frutti quattro anni di duro lavoro sperimentale

by Roberto Poeti
La Tesi di Maria Curie del 1903.

Marie Curie discusse la sua tesi nel giugno del 1903 alla Facoltà delle Scienze di Parigi per ottenere il gradi di Dottore in Scienze Fisiche . Il titolo della tesi di Maria Curie era ” Ricerche sulle sostanze radioattive . Nella Tesi presenterà i risultati di un lavoro straordinario  che l’ ha occupata per alcuni anni dal 1898 al 1902 , portato avanti in collaborazione con il marito Pierre Curie.

Per i risultati delle sue ricerche condividerà con il marito il Premio Nobel  per la Fisica nel 1903. Per quattro anni ha lavorato  su tonnellate di minerale pechblenda proveniente dalla miniera di Joachimsthal in Boemia fornitele gratuitamente dal governo austriaco. I Curie trattavano la parte del minerale che rimaneva dopo l’estrazione dell’uranio. Lavorando con lotti grandi fino a 20 kg, Maria Curie effettuava le separazioni chimiche in grandi vasche di ghisa, mescolando per ore le soluzioni e i liquami spesso bollenti con una grande barra di ferro, nelle condizioni di “laboratorio” più primitive che si possano immaginare, in un capannone che perde in un vicolo di Parigi, soffocante d’estate e ovattato dal freddo invernale (Si rabbrividisce al pensiero del gas radon che si sviluppava da queste caldaie fumanti e veniva respirato ).

Il capannone dove era installato il laboratorio di chimica

Interno del laboratorio. Nel secondo tavolo lo strumento di misura della radioattività con il quarzo piezoelettrico a sinistra e la camera di ionizzazione a destra

Marie Curie , Pierre Curie e il chimico Gustave Bemont nel laboratorio di chimica

Un obbiettivo quasi impossibile

Siamo riusciti… a estrarre da… migliaia di chilogrammi di materiale di partenza qualche decigrammo di prodotti” . Questa intrigante affermazione viene spesso citata come una vivida illustrazione dell’abilità chimica di Maria Curie e dei suoi collaboratori; recuperare pochi decigrammi di prodotto da alcune tonnellate di materiale di partenza è un obbiettivo di una parte su dieci milioni. Questo fatto da solo è davvero impressionante. Alla fine ottenne 0,120 g dell’elemento Radio. Le conoscenze e le abilità chimiche furono determinanti per il successo dell’impresa. I coniugi Curie si avvalsero della collaborazione di due esperti chimici, Gustave Bemont e André-Louis Debierne.  Le separazioni chimiche e le cristallizzazioni frazionarie che impiegarono furono a dir poco eroiche in termini di dimensioni. “Coraggiosa” non è né troppo forte né troppo romantica da usare per la donna che ha progettato e condotto questa ricerca incredibilmente difficile, consegnando infine la sua vita a un cancro (leucemia) nato dalle radiazioni in cui era continuamente immersa.

Un saggio illuminante

Il saggio che presento è la traduzione dell’articolo di Robert L. Wolke University of Pittsburgh pubblicato nel Journal Chemical Education . Questo lavoro partendo dal contenuto della Tesi di Maria Curie esamina in modo critico tutto il percorso sperimentale e teorico compiuto dalla Curie, riuscendo a ricostruire  i diagrammi di flusso delle separazioni chimiche,    partendo dalle descrizioni verbali piuttosto contorte e non sequenziali fornite nella tesi. Emerge da questa ricostruzione come i passaggi che furono necessari per ottenere i pochi decigrammi di radio da alcune tonnellate di minerale  siano stati un  capolavoro di chimica analitica. Vale la pena conoscere per un chimico questo risultato.

 

 

 

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Ho letto la policy privacy e accetto il trattamento dei miei dati personali

;