Gli schiavi in America a Charleston nel Sud Caroline

by Roberto Poeti

 Un viaggio  nel Sud  Carolina  a Charleston

Nel 2013 abbiamo visitato L’East  Coast negli USA  da Portland nello stato del Mine a Nord , proseguendo per Boston , New York , Washington ,Charleston , raggiungendo infine Savannah in Georgia  .  Gli Stati Uniti presentano molti volti ma gli stati del South East   hanno una fisionomia così peculiare che sono come un paese a se . Charleston è la seconda città del Sud Carolina  , conta poco più di centomila abitanti ,  si affaccia sull’Atlantico . Fu la prima colonia nel Nord America dove giunsero gli schiavi neri .

La fondazione di una nuova colonia

Prima del 1670 nelle indie dell’ovest che corrispondono all’arcipelago delle Canarie  si erano stabiliti insediamenti di coloni in gran parte inglesi che coltivavano la canna da zucchero . La necessità  di altre terre coltivabili indusse alcuni nobili inglesi , proprietari di piantagioni alle Barbados,  a chiedere al re Carlo II  la  costituzione di una nuova colonia  che fu chiamata dal re Carolina del Sud (in onore di suo padre Carlo I) . Il re nel 1663 concesse ufficialmente la colonia a nove nobili inglesi che vennero conosciuti come Lords Proprietors . L’atto di costituzione prevedeva che si riproducesse nella Carolina del Sud il sistema degli Slave Plantation  in uso nelle  isole dei Caraibi , cioè l’uso della forza lavoro costituita da schiavi . Ricordiamo che nell’Inghilterra era illegale la schiavitù , ma non nelle sue colonie .

La fondazione di Charleston

Nel 1670 approda nella nuova colonia la fregata  Carolina . Il luogo dello sbarco  venne chiamato Charles Town che in seguito cambierà in Charleston .Tra i novantatré passeggeri   vi era un solo nero . Nel decennio successivo  175  abitanti delle Barbados arriveranno a Charles Town insieme a 150 schiavi . Nel 1696 , essendo aumentato   molto il numero degli schiavi, il governo locale emanò il primo codice completo sulla schiavitù . L’atto rilevava che gli schiavi neri possedevano una natura “ rozza , selvaggia , furiosa “.  Nel 1680 la popolazione bianca ammontava a circa 1000 persone , mentre gli schiavi erano 200 . Nel 1740 i bianchi erano passati a 20.000 , ma i neri erano arrivati a 40.000 . Gli schiavi provenivano direttamente dalle coste dell’africa occidentale . Il cotone e il riso  furono le specie prevalentemente coltivate .

Charleston è una città senza grattacieli

Non vedrete  a Charleston un grattacielo ma tante case in stile coloniale del XIX secolo a due piani , di una bellezza   classica , allineate lungo viali  di palme ,  immerse in piccoli giardini curatissimi. Le porte sono illuminate  con  lampioni alimentati a gas  che riproducono l’illuminazione del secolo diciannovesimo . Al tramonto queste lanterne , allineate come le case ,  creano un effetto suggestivo riportandoti indietro nel tempo . Spesso le case hanno sulla facciata delle targhe che raccontano la loro storia e quella dei personaggi di rilievo vissuti in questa città . Charleston ha saputo conservare la sua architettura  raffinata  assieme alla accoglienza e ospitalità dei suoi abitanti .

Le case di Charleston

Il canto Gospel

La popolazione ha una forte componente nera che si esprime nelle chiese cristiano–metodiste attraverso  il canto Gospel . Le numerose chiese presentano  infatti   continui concerti Gospel , a cui si può assistere senza la calca dei turisti . Sappiamo che il Gospel ha le sue origini lontane nei canti che gli schiavi intonavano durante il duro lavoro nei campi di cotone e di riso . Charleston è infatti la prima città fondata da coloni inglesi nel Nord America  dove iniziò anche l’arrivo dei primi schiavi neri . La sua economia si fondò presto sulla forza- lavoro degli schiavi . Non è forse un caso che  sia stata la città dove scoppiò il primo atto di ostilità  contro l’Unione , dando vita alla lunga guerra di secessione .

 La piantagione di  Boone Hall

Delle tante piantagioni che esistevano trecento anni fa ne rimangono sole alcune che è possibile visitare  . Sono una testimonianza preziosa di un periodo della nostra storia che non dobbiamo dimenticare  .  Quella che ho visitato , forse la più interessante  dal punto di vista storico , è la piantagione di Boone Hall. Boone Hall  era un emigrante che lasciò l’Inghilterra per sbarcare a Charleston nel 1672 . Fu  quindi tra i primi a insediarsi nella nuova colonia . Ricevette in concessione della terra dai Lord Proprietors nel 1676 . Ebbe cinque figli , morì nel 1711 lasciando una piantagione ben avviata . Era divenuto nella politica locale uno dei personaggi più in vista .

Testimonianze sulla  schiavitù  dei neri

Gli eredi di Boone  Hall

I suoi figli continuarono a mandare avanti la piantagione che si allargò ulteriormente fino a raggiungere la superficie 7.000 ha ( è come un quadrato di 8 km di lato ) . Tentarono la coltivazione del riso , senza grande successo per la salinità dell’acqua delle paludi .  Si dedicarono all’allevamento del bestiame per l’esportazione , questa volta con successo . A metà del ’700 un’altra generazione di Boone iniziò la coltivazione dell’Indaco . Lavoravano alla piantagione cento schiavi che indicava la buona riuscita della nuova coltura . La guerra di indipendenza americana dette un severo colpo all’economia della colonia e al reddito dei Boone . Nel 1811 i Boone vendettero la piantagione . I nuovi proprietari , i due fratelli  Horlbeck , vi coltivarono il cotone a cui aggiunsero la coltivazione della noce americana   .  Nel 1853 gli  schiavi erano diventati  quattrocento .

La casa del padrone e le dimore degli schiavi

La bella dimora  in stile coloniale che accoglie il visitatore è una ricostruzione che sorge nel luogo dove venne edificata  nel 1790 la prima abitazione in legno . La piantagione ha 350 anni , ed è una delle più antiche piantagioni in America dove  ancora si produce .Vicino alla dimora dei proprietari sorgono nove delle originali capanne che servivano da abitazioni delle famiglie degli schiavi . Sono state restaurate dopo che furono danneggiate dal tifone Hugo nel 1989 ,  in ciascuna di esse  una mostra illustra un aspetto della vita della gente nera . Furono costruite dal 1790 al 1810 . Dall’ingresso della piantagione fino ai cancelli della dimora si percorre un viale di 1.5 km ai cui lati corre una fila ininterrotta di alberi di Oaks , un genere di querce ,   che furono piantati nel 1743 . E’ uno spettacolo unico , dai rami degli alberi scendono lunghi drappeggi di muschio.

La  casa di Aiken-Rhett a Charleston

La città di Charleston  nel Sud Carolina prima dell’inizio della guerra di secessione ( 1861) contava una popolazione nera che superava di gran lunga  quella bianca . Molti neri lavoravano come schiavi nelle case dei bianchi svolgendo funzioni domestiche  . La  casa di Aiken-Rhett , oggi museo , è una delle poche dimore che conserva quasi intatte le testimonianze  di  quel periodo . Accanto alla villa padronale vi erano gli alloggi della servitù nera . I proprietari  possedevano una grande piantagione  a qualche decina di chilometri dalla città dove si coltivava il riso  e  nella quale lavoravano  ottocento schiavi . Nella casa in città il numero di schiavi raggiunse le venti unità. La dimora venne costruita nel 1820 da un ricco mercante John Robinson . Cinque anni dopo , in seguito al naufragio di due navi con il carico che gli apparteneva  , fu costretto a vendere la proprietà ad William Aiken Sr. un emigrante irlandese  che era diventato uno dei mercanti di cotone più importanti di Charleston

Articoli Correlati