Il Mercato di Pisac nelle Ande peruviane

by Roberto Poeti

I Mercati dell’America Latina

Nella cartina del Sud America , di seguito , è segnato , con un tratto azzurro , il percorso che facemmo in autostop , in corriera e , in due occasioni , con treni a scartamento ridotto , nell’agosto del 1979 . Il viaggio durò circa quaranta giorni . Iniziò da Bogotà in Columbia , dove sbarcammo con l’aereo , e proseguì verso il sud . Attraversammo l’Equador , il Perù e infine la Bolivia dove arrivammo a La Paz . Un percorso di circa 4000 Km . Del viaggio rimangono poche testimonianze fotografiche : la borsa con la macchina fotografica ci venne rubata e così molte immagini sono andate perdute .Ma rimangono due servizi fotografici , che feci in Perù nella regione di Cusco a Pisac e in Equador a Otavalo . Sono le testimonianze di due mercati importanti della zona animati e ricchi di colore .

Il viaggio

il percorso è segnato con il tratto azzurro

I mercati sono cambiati

A Otavalo non c’era ombra di turista , mentre al mercato di  Pisac cominciavano a vedersi i primi turisti , in genere giovani . L’idea di mostrare le immagini di questi mercati mi è stata suggerita tempo fa quando , navigando in rete , mi sono imbattuto nelle immagini di questi due mercati come appaiono oggi . Mi è venuto in mente il mercato del sabato di Arezzo o se volete della fiera di settembre . Alcuni abitanti del luogo , vestiti con i costumi tradizionali , si fanno fotografare dai turisti , e la merce , dove compaiono i prodotti artigianali , è disposta in bancarelle , in file ordinate e circondate da flotte di turisti , immagino non proprio silenziosi .

Il mercato come appariva nel 1978

Ho ripensato a quel mondo che stava dietro a quei mercati di un tempo .  Come nei mercati africani anche qui la gente arrivava da lontano , spesso a piedi , carichi di grossi fardelli e trovava nel mercato la comunità riunita . Non solo la merce veniva scambiata , ma si scambiavano notizie , informazioni , si conoscevano le novità e si rinsaldavano amicizie e conoscenze .

Immagini di un Mercato “scomparso “, quello di Pisac

Per primo vi voglio presentare il mercato di Pisac . Per raggiungerlo i piccoli abitanti delle Ande scendevano dalle loro montagne , le donne portando con sè i loro neonati e gli uomini i grossi sacchi pieni  di prodotti artigianali e agricoli . Il pomeriggio riprendevano la strada del ritorno , e , a gruppi , in fila indiana , risalivano lentamente i sentieri che si snodavano tra le terrazze coltivate che  erano rimaste come un tempo  , testimonianza della antica civiltà Inca .

La storia di Pisac

Pisac è un villaggio peruviano situato nella Valle Sacra , sul fiume Urubamba a circa quaranta chilometri da Cuzco . Nella zona di Pisac sono visibili le rovine Inca , situate in una collina all”entrata della valle . Sul fianco della collina si trovano terrazze costruite dagli Inca e ancora attualmente in uso . Queste terrazze furono costruite prelevando a mano il terreno più ricco dalle pianure circostanti . Questo permise alle antiche popolazioni di produrre più cibo di quanto sarebbe naturalmente possibile ed una altitudine di 3600 metri . Il sito archeologico che aveva funzioni militari e religiose si affiancava ad altri centri come Machu Picchu che si svilupparono attorno alla capitale Cuzco dell’impero Inca . L’antica città di Pisac fu distrutta da Francisco Pizarro e dai conquistadores verso il 1530 . Salendo ancora si arriva finalmente sull’altopiano da dove , da ogni parte si scorgono  le montagne andine  .

L’adattamento dell’uomo

Come si sono potuti adattare   gli abitanti alle altezze dell’altopiano andino ? Nell’allegato seguente  troverete  la risposta .

 

Articoli Correlati