Il Teatro Operatorio al S.Thomas Hospital del 1822 , Londra

by Roberto Poeti

Un museo a Londra poco conosciuto

La città di Londra , come tante altre città , riserva molte sorprese : sono i piccoli musei che non hanno la celebrità delle grandi collezioni , non sono citati nelle guide , ma che rappresentano nel campo della storia della scienza delle importanti testimonianze del nostro passato . Così possiamo scoprire di fronte alla Torre di Londra , dall’altra parte del Tamigi , in via S.Thomas Street , una piccola chiesa nella cui ampia soffitta venne ricavato nei primi anni dell’800 un teatro operatorio . Nella soffitta trova posto anche una ricca collezione di erbe e rimedi sanitari usati prima della nascita della farmacologia . Il teatro anatomico venne riscoperto nel 1956 , e rappresenta l’unica testimonianza di quel periodo .  La storia è raccontata più avanti.

Dove si trovava

Alla estrema  destra della mappa , di fronte alla Tower of London , dall’altra parte del Tamigi , vicino al  Guiy’s Hospital , in via S. Thomas , si trovava fino al 1860 il S.Thomas Hospital (vedi freccia).

blank

L’Ospedale e la Chiesa di  S.Thomas

Nel 1703 vennero largamente ricostruiti a Londra  in mattoni rossi  l’Ospedale e la Chiesa di  S.Thomas   . Quest’ultima venne dotata di una spaziosa soffitta  , o attico , costruita , secondo la tradizione , come i granai. L’ospedale aveva  una storia antica , risalente al 1200 . Si espanse nei secoli arrivando nel  1730 a curare in un anno circa cinquemila malati. L’ampia soffitta della Chiesa fu utilizzata dalla  farmacia per conservare erbe medicinali . Agli scantinati era preferibile la soffitta , dove non c’era l’inconveniente dell’umidità e dei ratti.

Dove fu costruito il teatro anatomico

L’antico teatro  operatorio  del  S.Thomas Hospital  venne costruito nel  1822 utilizzando una parte dello spazio , occupato dalla soffitta delle erbe . Questa posizione può apparire a prima vista bizzarra , ha maggior senso se si pensa che i reparti dell’ala  sud dell’Ospedale  erano costruiti attorno alla Chiesa . Adiacente alla soffitta delle erbe era il reparto delle donne e nello stesso reparto si eseguivano gli interventi operatori . Ciò era causa di grande angoscia nelle degenti . Venne aperto un passaggio che faceva comunicare il reparto con il teatro operatorio . Nel tetto  del teatro operatorio venne aperto un lucernario e la soffitta fu dotata di finestre .

blank

Il campanile della chiesa di S.Thomas e a destra , in alto addossata al campanile , la grande soffitta ( vedi freccia) dove è stato ritrovato il teatro operatorio

IL Teatro Operatorio

Il filmato mostra il Letto Operatorio sotto il quale è riposto un contenitore di segatura . Cosparsa nel pavimento la segatura serviva ad assorbire il sangue che copiosamente colava nel pavimento durante gli interventi ( vedi immagine seguente).

blank

La riscoperta del Teatro Anatomico

Il teatro operatorio venne chiuso nel 1865 prima che le procedure  antiseptiche di Lister venissero introdotte.   Nel 1862 l’ospedale venne spostato nel quartiere di Lamberth . Il teatro operatorio venne chiuso . Il teatro rimase dimenticato per quasi cento anni , fino a che lo storico della medicina Raymond Rassel  scoprì negli archivi dell’ospedale un riferimento alla sua collocazione nella soffitta della chiesa. Penetrando attraverso una fitta rete di  ragnatele Russel nel 1956 riscoprì Il teatro operatorio .

Il Teatro Anatomico come scuola di chirurgia

Dagli inizi dell’800 il S.Thomas Hospital era diventato un centro importante e prestigioso  per l’insegnamento della medicina . Il teatro operatorio  fornì l’opportunità a molti apprendisti chirurchi di osservare e imparare dai loro tutori . Le sedute operatorie erano molto  affollate . Il chirurgo John Flint South nel suo ” Memorials” del  1814 descrive la sua esperienza di studente  quando assisteva  all’interno dell’affollato teatro ad una operazione chirurgica :

” Le prime due file …. erano occupate dagli altri assistenti e dietro in  una seconda sezione stavano gli allievi impacchettati come aringhe in una botte  , ma non così silenziosi . Quelli dietro   pressavano continuamente  su quelli davanti a loro,  i quali si dimenavano  di continuo per liberarsi dal loro peso .  Non era infreguente andarsene via esausti . C’era anche un continuo gridare  ” il capo , il capo ! ” a quelli che stavano attorno  al tavolo operatorio , le cui teste interferivano con lo spettacolo .”

La disposizioni dei posti attorno al tavolo operatorio

Nella foto si vede sulla parete  , sopra la lavagna , una scritta in caratteri grandi dove sono riassunte la regole per l’assegnazione dei posti  nel Teatro Operatorio . Le regole erano necessarie visto il numero elevato di osservatori a vario titolo :

Gli apprendisti  e gli assistenti  del chirurgo che opera stanno attorno al tavolo. Gli assistenti  degli altri chirurghi occupano le prime tre file. Gli allievi dei chirurghi occupano i posti nelle file sopra. I visitatori sono  ammessi con l’autorizzazione del chirurgo “

 

blank

blank

Come poteva presentarsi un intervento chirurgico

La foto di sinistra rappresenta un intervento chirurgico eseguito nella seconda metà dell’800 in un Teatro Operatorio a Londra . Se confrontate la foto con quella di destra è sorprendente la somiglianza degli ambienti .  Anche nel Teatro Operatorio dell’ospedale del  S.Thomas Hospital le sedute operatorie si svolgevano in maniera analoga .

 

blank

Teatro Operatorio dell’Ospedale S.Thom

blank

 L’abito del chirurgo

A fianco della  bacinella c’è una fila di attaccapanni in cui appendere gli abiti  operativi del personale. Questi erano per lo più vecchie redingot, rigide e puzzolenti , intrise di pus e sangue. Entrando nel teatro per operare  il chirurgo appende  il suo soprabito e indossa l’abito  per l’intervento , rimboccandosi le maniche e alzando il bavero sul suo lino bianco per salvare questo da qualche improvviso schizzo di sangue. L’assoluta ignoranza delle più elementari norme igieniche è dimostrata dall’abitudine del chirurgo di lavarsi le mani dopo l’intervento e non prima !

 

blankblank

Immagini di altri Teatri Anatomici dell’800

Oltre al filmato che mostra il teatro operatorio ho raccolto una serie di immagini dei teatri operatori dell’ottocento che mostrano come  la  non conoscenza dei vettori delle malattie infettive , quali batteri e virus , portava a trascurare e più semplici misure di asepsi  . I chirurghi operavano vestiti con  gli abiti da cerimonia su cui ,  per non macchiarli di sangue , veniva indossato , ma non sempre  , un grembiule  .  Le mani erano spesso prive di guanti  e venivano lavate in genere dopo l’intervento ! L’affollamento dei teatri anatomici da parte del pubblico era un’altra situazione di grave rischio per il paziente.

 

La prima anestesia

L’anestesia era quasi assente  e il  chirurgo doveva essere molto rapido affinchè  il paziente potesse soffrire meno e perdesse meno sangue.   La prima anestesia completa  venne praticata nel 1846 negli Stati Uniti usando l’etere etilico.  L’uso dell’etere si estese in pochi mesi  in Inghilterra . La natura infiammabile dell’etere e il vomito che induceva nei pazienti  furono le ragioni della sua sostituzione con il cloroformio un anno dopo . Era iniziato il lungo cammino della anestesia  nella pratica chirurgica .

La Soffitta delle Erbe

Prima di costruirvi il Teatro Operatorio la soffitta della Chiesa di S.Thomas era destinata alla conservazione e magazzino delle erbe medicinali che venivano utilizzate per la preparazione di medicinali nell’adiacente ospedale . Una parte dell’ampio spazio fu occupata dal Teatro Operatorio . Quello che non venne occupato rimase ad uso della farmacia delll’ospedale . Oggi , assieme al Teatro operatorio , costituisce il museo . Al suo interno è stata allestita una raccolta di erbe, estratti ecc.. che costituivano l’armamentario terapeutico a disposizione dei medici dell’ospedale dell’epoca .

Immagini della soffitta dove sono raccolte le erbe medicinali

In rete è disponibile all’indirizzo seguente una bellissima rappresentazione del Teatro Operatorio e  dell’ Herb Garret  in 3D :

http://www.thegarret.org.uk/tour.htm

 

Articoli Correlati