Il popolo Sikh della regione del Punjab in India

by Roberto Poeti

 

Il viggio in India anno 1978 tra i Sikh

Il treno ci ha portato  nel Punjab  , a nord dell’India , verso la città di Amritsar  . E’ in questa  città che  si trova il Tempio d’Oro , il luogo di culto più importante per i Sikh .

 

In rosso la regione del Punjab , patria dei Sikh 

 

 

 

 

 

I treni sono una   eredità lasciata dal colonialismo inglese  . Sono  sempre affollati , ma sono  ancora tenuti in modo  efficiente  , come lo erano al tempo degli inglesi . Si viaggia con persone di tutti i generi . Si fanno incontri  interessanti . Questa volta durante  il viaggio incontriamo un maestro di scuola elementare Sikh  . Parliamo a lungo  ,  ci invita  poi a casa sua .

La conscenza di una  famiglia Sikh

Arrivati ad Amristar saliamo su un autobus con il maestro , incontrato in treno , che ci ha invitato  a casa sua . Abita  in un piccolo villaggio a pochi chilometri dalla città di Amristar . Nello stesso villaggio fa il maestro elementare . La sua casa costruita in bozze di tufo marrone è a un piano e divisa in diversi piccoli   ambienti . Vi vive il maestro e i suoi due fratelli , con le rispettive famiglie .

I Sikh sono un popolo straordinario

Nell’India che siamo soliti conoscere come il paese delle caste , dei privilegi e della estrema povertà , troviamo una popolazione diversa , quella dei  Sikh , di circa venti milioni di abitanti , che vive nella piccola regione chiamato Punjab . Si trova a nord – ovest , ai confini con il Pakistan a ovest e con la regione del Kashmir a nord .  Il loro nome  deriva dal sanscrito , che significa discepolo, allievo . La loro religione è il Sikhnismo . Ne fu iniziatore Nanak , 1469 , considerato il primo guru (maestro) , che si inspirò alla religione induista per dar vita a una concezione religiosa che incorporava anche svariati aspetti dell’Islam, in primo luogo il monoteismo . A Nanak succedettero altri 9 guru fin al 1708 .

 

 

 

Immagine dei 10 Guru che si sono succeduti dal 1469 al 1708

 

 

 

Il Tempio d’Oro

Il Tempio d’Oro è situato nella città di Amritsar . E’ considerato dai Sikh il tempio più sacro della loro religione e un luogo di pellegrinaggio in cui recarsi almeno una volta nella vita per pregare e offrire le proprie suppliche . La sua costruzione risale alla fine del cinquecento . Fu edificato al centro di un laghetto , attorno al quale sorse la città di Amritsar . Gran parte delle attuali dorature e opere in marmo di squisita fattura risalgono ai primi dell’ottocento .

Presentazione  in PDF e Power Point

    

 

Un luogo sacro aperto a tutti

Quando lo visitammo nel lontano 1978 , eravamo proprio gli unici visitatori stranieri . Il luogo sembrava una piccola città dove le persone , le famiglie , passeggiavano sotto i lunghi porticati rivestiti di marmo , si bagnavano nelle acque del lago o , riuniti in gruppi , si intrattenevano a conversare , tranquillamente seduti negli ampi pavimenti in marmo che circondano il lago . Una religione senza formalismi o rituali rigidi . Un luogo sacro dove ti sentivi a tuo agio , dove chiunque era accettato senza distinzione di religione . Era questo il grande messaggio che veniva da questo luogo .

Il libro sacro

Fu l’ultimo guru a raccogliere le riflessioni , le preghiere e i precetti di tutti i guru che lo avevano preceduto, in un testo , che dichiarò sacro e fu chiamato Guru Granth Sahid . E’ custodito nel Tempio d’Oro di Amritsar. Questo sacro testo divenne oggetto da allora in poi di adorazione . E’ considerato come l’ultimo e permanente guru dei Sikh. In India, ma anche nel resto del mondo dove si trovano templi Sikh, viene trattato e rispettato come una persona. Gli viene posto dinanzi del cibo in concomitanza con i pasti e viene messo a riposare la notte in una stanza adibita a tale bisogno, dove tabacco, carne e alcol sono strettamente proibiti .

Le sacre scritture o Guru Granth Sahib nel Tempio d’Oro di Amritsar

 

La religione Sikh

La religione sikh non riconosce il sistema delle caste e nemmeno approvano l’adorazione degli idoli, i rituali e le superstizioni. I sikh considerano venerabile solo la parola del Creatore rappresentata dalle Sacre Scritture dei guru. I guru sikh non hanno sostenuto la necessità della vita ascetica e dell’isolamento dal mondo per guadagnare la salvezza. Quest’ultima può essere raggiunta da chiunque si mantenga onestamente e conduca una vita normale. Non esiste un clero nel Sikhismo. E’ proibito ogni tipo di dipendenza da sostanze, come l’alcol, tabacco e altro.  Non  possono mangiare qualsiasi tipo di carne, pesce e uova , o tagliarsi i capelli/peli del corpo. Un sikh deve considerare la moglie di un altro uomo alla stregua di sorella o madre, e la figlia di un altro come sua. La stessa regola è applicata anche alle donne.

Il Langar

L’istituzione del “Langar” (cucina comune) serve a creare uguaglianza sociale fra l’intero genere umano. Essa è un luogo in cui persone di estrazione sociale alta e bassa, ricchi e poveri, istruiti e ignoranti, re e mendicanti, o di altre religioni condividono tutti lo stesso cibo, sedendo insieme in un’unica fila.

 

Due immagini del “Langar ” o cucina comune dove Sikh di ogni estrazione sociale si sentono uguali

Un’altra India

Anche l’altra grande religione , quella Buddista , ha  i suoi luoghi sacri  , come puoi vedere al seguente indirizzo :

La città di Benares , sacra agli Indù

Articoli Correlati