La vita di Maria Curie a Varsavia

by Roberto Poeti
Un simbolo per la Polonia

Un viaggio in Polonia offre l’occasione di visitare a Varsavia la casa museo di Maria Curie, i luoghi dove studiò nella sua giovinezza e il cimitero monumentale dove è la tomba della sua famiglia. Devo dire che ho fatto questo percorso con una certa emozione. La figura di questa scienziata poliedrica, che aveva una forte preparazione prima di tutto in matematica, poi in fisica e in chimica, è un simbolo importante per la nazione polacca, per questo paese che ha pagato un prezzo altissimo in vite e in beni nella seconda guerra mondiale e nel successivo periodo di regime comunista.

Una biografia introvabile

Il popolo polacco è un popolo colto, con un forte sentimento nazionale, e un grande senso civico . Maria condivideva con il suo popolo il  sentimento di identità nazionale, l’amore verso la conoscenza e la cultura, unito ad una grande capacità di lavoro. Ho cercato in rete di trovare il libro che la figlia di Maria, Eva, scrisse, poco dopo la morte della madre, nel 1938. Tutti i tentativi sono stati vani, mi ero arreso. Si poteva trovare solo l’edizione in francese. Dell’edizione italiana non c’era traccia. Poi, qualche tempo dopo, durante una vacanza trascorsa a Napoli, nel periodo natalizio, ho trovato l’edizione italiana del 1938, nel mercato del libro usato presso porta Capuana. Che colpo di fortuna!

Le due biografie

Attraverso la lettura di questo libro e la biografia di Maria Curie, scritta da Susan Quinn, ” Maria Curie una vita “, possiamo conoscere e sentirci partecipi della vita umana e scientifica di Maria. La mia intenzione è di sottolineare, in questi miei appunti, alcuni aspetti della vita della scienziata che riguardano la prima parte della sua vita, prima che compia il viaggio a Parigi. In seguito tratterò aspetti della sua vita che interessano la sua vita in Francia.

La Polonia al tempo di Maria Curie

Prima però è importante descrivere per sommi capi la situazione politica e sociale che si vive, in particolare a Varsavia, nel periodo dell’infanzia e della giovinezza di Maria. La Polonia è un paese smembrato, il trattato di Vienna del 1815 ha ripartito il paese tra le tre potenze Prussia, Russia e Austria che hanno sconfitto Napoleone. Dopo una fugace vita come stato indipendente durante il periodo napoleonico, la Polonia torna alla situazione precedente. Alla Russia spetta il controllo sulla parte del territorio chiamato Regno del Congresso.

La Polonia diviene una provincia russa.

Dopo una prima fase di relativa autonomia questo regno diventa sempre più parte integrante della Russia. A seguito della fallita rivolta del 1863 fu direttamente incorporato nello stato russo, venne cambiata la lingua ufficiale che divenne il russo e l’istituzione scolastica fu sottoposta   al controllo repressivo delle autorità russe. E’ in questo contesto che cresce, studia e matura la giovane Maria Sklodowska.

Ripartizione della Polonia politica

Dal 1863 al 1918 la Polonia venne ripartita tra Russia , Austria e Prussia . La capitale Varsavia era nella zona occupata dai russi .

In chiaro la Parte occupata dalla Russia con la capitale Varsavia

Truppe russe accampate a Varsavia dopo i moti del 1863

 

 Il museo

L’allegato, in formato PDF, parte dalla visita alla casa –  museo di Maria Sklodowska, dove ella nacque. Il museo contiene una notevole collezione di foto e documenti, bacheche con oggetti appartenuti alla scienziata, la riproduzione del laboratorio dove lavorò a Parigi, un abito e una vetrina del padre con alcuni libri e oggetti di chimica e fisica. Il museo è gestito dalla Società Chimica Polacca che ha sede nello stesso edificio. Leggendo il materiale bibliografico tra cui l’autobiografia di Maria e il libro di Josef Hurwic ” Maria Sklodowska Curie e la Radioattività ” trovato tra il materiale in vendita al museo, ho dedicato alcune pagine alle figure dei nonni, ma soprattutto dei genitori. Ho trovato questi personaggi tanto ricchi umanamente che spero di essere riuscito a comunicare questa percezione che ho di loro.

Il primo rapporto   sentimentale

Maria Sklodowska Curie all’età di 16 anni

A Varsavia troviamo ancora gli edifici dove Maria studiò e poi compì le prime esperienze di chimica e fisica. Alcune slide ci riportano in quei luoghi. Ho riservato una pagina alla storia sentimentale che visse Maria quando aveva diciannove anni e si trovava come istitutrice presso la ricca famiglia degli Zorawski. Mi ha colpito molto sapere come molti anni dopo, Maria era da tempo morta, il suo ex innamorato, ormai molto vecchio, la ricordasse rimanendo seduto per ore a meditare di fronte alla sua statua eretta in via Wawelska a Varsavia.

Il cimitero della sua famiglia e la sua tomba al Pantheon

Infine una testimonianza del luogo dove è raccolta la famiglia di Maria: il cimitero monumentale di Varsavia. Visitando i suoi luoghi a Varsavia e leggendo il materiale bibliografico ho finito per trasferirmi nel suo ambiente, nel “conoscere” lei e i suoi straordinari parenti. E’ stato un ” viaggio” di cui alla fine è rimasto un grande affetto e una profonda ammirazione per questa singolare  scienziata.

Le immagini del “viaggio” nella vita di Maria

 

 

Articoli Correlati