Nel cuore dell’Africa : la città di Djennè in Mali

by Roberto Poeti

La città di Djennè

La città di Djenné è un’altra tappa del viaggio in Mali compiuto sempre  nel 1986. La distanza da Mopti è circa  80 Km , un’altra importante città  . E’ situata ad ovest del fiume Bani (il grande fiume Niger le passa vicino , a pochi chilometri a nord ) in una piana alluvionale  . E’  una città di grande interesse storico e commerciale , famosa per le sue architetture di mattoni di fango, la più importante è  la Grande moschea .Si tratta di un edificio molto antico , più volte demolito e ricostruito , il primo risale al secolo XIII . Quello attuale venne ricostruito nel 1907.

Patrimonio dell’ UNESCO

Nel passato, Djenné fu un centro di commercio e cultura . Fu conquistata un gran numero di volte a partire dalla sua fondazione. Il suo centro storico è stato designato Patrimonio dell’Umanità dall’ UNESCO nel1988 . Le abitazioni  e la Grande Moschea sono ancora oggi costruite in “bancò”, una miscela di terra, paglia tritata e burro di karitè che viene fatta essiccare al sole cocente dell’Africa.

La grande Moschea

La Grande Moschea  di Djenné è il cuore della città. Essendo costruita con materiale  deperibile è necessario un restauro  periodico . I fedeli si arrampicano come acrobati  sulle mura alte e verticali con l’aiuto di pali sporgenti, e provvedono a riparare i danni delle pareti  che la pioggia ha riempito di crepe e buchi . Il restauro viene fatto una volta all’anno, la data è decisa dagli anziani che valutano quando il fango necessario al restauro, depositato dalle piene del Niger, ha la consistenza adatta ad essere impiegato per i lavori. Il restauro  è seguito da tutta la popolazione di Djenne. L’evento è per la città una grande festa che dura due giorni .

I villaggi  nel letto del fiume Bani

Accompagnati da un giovane del luogo lasciamo Djenne per visitare un villaggio Peul , una delle tante etnie del Mali . Non c’è un albero per ripararsi dal sole . Si cammina nel grande letto del fiume Bani . Non c’è un albero dove fermarsi e ripararsi dal sole . Si raggiunge il villaggio dopo alcune ore . E’ la stagione della siccità . Quando arriva la stagione delle piogge la pianura che percorriamo viene tutta inondata . E’ come il Nilo in Egitto . Le acque del Bani rendono la terra fertile . I villaggi in quel periodo rimangono isolati , le comunicazioni avvengono navigandoe su piroghe .

Un  piccolo villaggio

Nella grande pianura alluvionale  del fiume Bani cisono anche  villaggi fatti di  sole piccole capanne  ,  ma dove , appena arrivi , sei circondato da bambini e donne che ti accolgono con grandi sorrisi .

Ma molto è cambiato

Il turismo di massa , soprattutto , ha cambiato profondamente questi luoghi . Quando li visitammo nel 1986  erano accessibili solo a chi aveva un buon spirito di avventura e di adattamento. Vi ho proposto  la  cronaca del viaggio attraverso le foto che scattai. Mi sembra un documento interessante del passato che potremmo dire , per la qualità , remoto.

Articoli Correlati