“Su una Nuova Teoria Chimica ” saggio di Archibald Scott Couper 1858

by Roberto Poeti
                                     “Su una Nuova Teoria Chimica

                                          Archibald Scott Couper  1858

  Gli articoli  nelle riviste scientifiche 

Archibald Scott Couper scrisse nel 1857 una nota sulla sua nuova teoria chimica che fu presentata da Jean Baptiste Dumas all’Accademia di Francia e pubblicata in Comptes rendus. A questa sua presentazione seguì la pubblicazione di un saggio dal titolo “Sur Une Nouvelle Theorie Chimique” in Annales de chimie et de physique. L’articolo apparve subito dopo nella rivista inglese Philosophical Magazine dal titolo “On a New Chemical Theory” che conteneva alcune importanti modifiche rispetto alla versione francese. Quasi contemporaneamente apparve in Annalen der Chemie und Pharmacie l’articolo di Friedrich August Kekulé “The Constitution and Metamorphoses of Chemical Compound and the Chemical Nature of Carbon” nel quale arrivava alle stesse conclusioni di Couper.

La riscoperta di Couper

In un altro articolo del mio blog ho descritto le vicende umane e scientifiche che hanno reso tanto straordinario e interessante A.S.Couper.  Parlerò in seguito anche di Kekulè che vale la stessa attenzione. Ho riservato la precedenza a Couper perché appare in questa vicenda scientifica il personaggio più sfortunato, ma anche più geniale. Dopo aver scritto il suo rivoluzionario saggio Couper sparirà poco tempo dopo dalla vita scientifica sopraffatto dai suoi problemi. Non ci si ricorderà più di lui. Soltanto a Kekulè invece spetterà il merito delle scoperte fatte, e già allora noto, diventerà in seguito uno dei più grandi chimici dell’ottocento. Per ironia della sorte sarà un allievo e successore di Kekulè alla cattedra di chimica di Bonn Richard Anschutz che, preparando una biografia del suo mentore, si imbatterà in Couper. E’ l’anno 1909 quando pubblica “Life and Chemical Work of Archibald Scott Couper”. Riscoprirà la grandezza di questo chimico e racconterà la sua tragedia. Erano passati sessanti anni dalle scoperte di Couper sulle proprietà dell’atomo di carbonio.

La traduzioni della nota e del saggio

Ho tradotto sia la nota apparsa in Comptes rendus che il saggio pubblicato in Annales de chimie et de physique e in Philosophical Magazine. Le versioni nella rivista francese e Inglese sono pressoché simili, la rivista inglese contiene importanti modifiche nella presentazione delle formule. Nella traduzione mi sono servito di entrambe le versioni. Nelle due traduzioni (la nota e il saggio) ho introdotto delle note allo scopo di aiutare il lettore a comprendere meglio alcuni passaggi. La nota è una sintesi di ciò che è contenuto nel saggio, si legge più facilmente, ma manca soprattutto dell’analisi molto critica che Couper fa delle teorie di chimica organica che dominavano a quel tempo.

Una nuova visione

Quello che meraviglia nella visione di Couper è la sua grande libertà e autonomia di pensiero. Dopo poco più di due anni che ha iniziato a interessarsi di chimica, avendo in precedenza fatto studi solo filosofici, all’età di ventisette anni getta le basi per una nuova visione della chimica organica e della struttura delle molecole. Le sue formule di struttura delle molecole organiche sono così somiglianti alle nostre e così lontane dalle rappresentazioni comuni del suo tempo che hanno costituito una frattura nel paradigma dominante di allora. Una visione nuova che susciterà critiche e incomprensioni da parte della comunità dei chimici.

Un punto debole

Se da un lato il pensiero di Couper si proietta in avanti, per alcuni aspetti rimane ancorato a concezioni che potremmo dire di retroguardia.  Mi riferisco alla sua concezione degli acidi e basi e alla formazione dei sali. Il passo del saggio che riguarda questo argomento è francamente di difficile lettura, a differenza del resto del contenuto dove l’esposizione è chiara ed efficace.

 

Traduzione in formato PDF del Saggio di Archibald Scott Couper

 

Traduzione in formato PDF della Nota di A.S. Couper presentata all’Accademia di Francia

In un altro articolo di questo blog è presentato il saggio di August Kekulè ,che pubblicò quasi  contemporaneament a Couper , dove è espressa una teoria analoga :

https://www.robertopoetichimica.it/un-protagonista-della-chimica-organica-august-kekule/

Articoli Correlati