Teresa Maresca la fondatrice dell’I.T.I.S. di Arezzo

by Roberto Poeti
Due donne chimici : Teresa Maresca e Maria Bakunin

Teresa Maresca si è laureata a Napoli in Chimica nel 1926 . Nella Gazzetta Ufficiale Del Regno D’Italia  n°233  dell’ottobre  1926 compare nell’elenco dei Chimici della Regia Università di Napoli che hanno superato l’esame di stato per l’abilitazione all’esercizio della libera professione nell’anno 1925 . Era infatti consuetudine prendere l’abilitazione l’anno dopo il conseguimento della laurea . Su trentatré chimici abilitati le donne erano  otto .

La Gazzetta del 1926

blank  blank

blank

 

Suo padre Simpliciano Maresca era direttore del Dazio del comune di Castellammare . Ma in quella stessa Università si era laureata in chimica nel 1895  Maria Bakunin , figlia dell’anarchico Michael  Bakunin .

Maria Bakunin

Le strade delle due donne come vedremo si incroceranno. Ma chi era Maria Bakunin ? Era nata in Siberia  nel 1873, terzogenita , figlia del famoso principe , filosofo e rivoluzionario russo ,  Michail Bakunin (1814-1876) . Dopo la morte del padre  , avvenuta a Berna nel 1876 , segue a Napoli la famiglia accolta dall’avvocato socialista Carlo Gambuzzi che ne sposa la madre . Gambuzzi aveva conosciuto suo padre Michail durante un soggiorno dell’anarchico a Napoli ed erano diventati sostenitori   della stessa causa e intimi amici  . Maria intraprenderà gli studi  di chimica presso l’ateneo napoletano . Farà una brillanta carriera universitaria , distinguendosi  nella ricerca e si occuperà con passione dell’insegnamento . Pubblicò già nel 1890 il primo contributo scientifico. Nel 1896 era tra i chimici italiani riuniti per festeggiare il 70° compleanno di Stanislao Cannizzaro a Roma presso l’Istituto Chimico di Via Panisperna.

La storia di Maria Bakunin raccontata da Pasqualina Mongillo

La storia della sua vita è raccontata nel bel libro di Pasqualina Mongillo “ Marussia Bakunin : una donna nella storia della chimicaEd. Rubbettino . Un suo allievo , divenuto poi famoso chimico , Rodolfo Alessandro Nikolaus racconta << …..era molto dura ed esigente con il personale . Ho una sua pubblicazione scientifica dove nell’angolo destro  in alto è scritto: prendere a calci Vincenzino (il custode) perché non si è fatto le basette. Ma se qualcuno di loro si ammalava allora correva a visitarli ed ad assisterli >>.

Una donna coraggiosa

Siamo durante l’occupazione alleata :  << Frequentatori della Bakunin erano anche  due ufficiali militari alleati , il Generale Hume  ed il colonnello Gayre. Un giorno Hume dopo un pranzo particolarmente squallido,  chiese alla Signora: “Ha bisogno di qualche cosa?”  La inaspettata risposta fu: “alcool ed ovatta”. Migliaia di litri di alcool e centinaia di chili di ovatta riempirono via Mezzocannone ( la sede dei laboratori di Chimica) . Batuffoli di  ovatta imbevuti di alcool servirono a riscaldare le nostre provette mentre bruciatori alimentati ad alcool facevano funzionare le nostre attrezzature e i gruppi elettrogeni >>.

Nicolaus ricorda ancora  « quando i tedeschi misero a fuoco le biblioteche di via Mezzocannone , la Bakunin si sedette in prossimità delle fiamme incrociando le braccia. Il tenente tedesco comandante, stupefatto da tanto coraggio, dette ordine  di ritirarsi e i danni furono meno gravi » .

blank

Maria Bakunin, (Krasnojarsk, 2 febbraio 1873 – Napoli, 17 aprile 1960)

Teresa Maresca

Teresa Maresca è stata una allieva della professoressa Maria Bakunin durante il suo corso di laurea . Ho riportato gli aneddoti precedenti perchè tra le due donne vi è una grande somiglianza  . Teresa Maresca ha speso per la creazione dell’I.T.I.S. energie e passione che solo un grande amore per la scuola poteva giustificare . E’ stata anche lei una guida severa , che esigeva da tutti dedizione al lavoro e disciplina . Ancora la ricordo nel piano della presidenza “passare in rassegna” gli studenti che alla fine delle lezioni scendevano le scale , in fila per due , ordinati e in silenzio  . Incuteva rispetto e soggezione , e quando appariva in lontananza si passava la voce   “ c‘è la Teresa ! “ . Ma la sua umanità era tanto grande quanto la sua severità . Ci stupiva un po’ quando la coglievamo mentre rideva in modo gioioso . Dopo la laurea  ha iniziato il suo percorso accademico facendo l’assistente del Prof. Giordani . Ancora una volta si affaccia Maria Bakunin .

Francesco Giordani

Anche Francesco Giordani è stato allievo della Bakunin . Si laureò all’ateneo di Napoli in chimica nel 1918 . Fu assistente di Maria Bakunin , e ancora  studente pubblicò alcune ricerche compiute in collaborazione con la Bakunin , la quale riconobbe in lui capacità non comuni .

blank

La carriera di Giordani , uomo dello stato

Ma la carriera di Giordani andò oltre a quella accademica , nel 1937 fu nominato vicepresidente dell’IRI e poi presidente fino al 1943 . Subito dopo la guerra fu messo in disparte per un breve periodo , come alto dirigente legato al fascismo . Ma ben presto fu messo in condizioni di operare pienamente .

Nel 1952 fu nominato presidente del Comitato  Nazionale delle Ricerche nucleari (CNRN) . Nel 1957 fu nominato membro italiano dei tre saggi europei che promossero l’Euratom . Era uno scienziato al servizio dello stato .

Teresa Maresca e Francesco Giordani

Teresa Maresca lavorò come assistente di Giordani e ho trovato  alcuni loro lavori pubblicati nel 1929  .

blank

blank

La loro  collaborazione nacque attraverso il comune rapporto con Maria Bakunin  .

La venuta ad Arezzo di Teresa Maresca

Questo breve racconto finisce con la comparsa ad Arezzo di Teresa Maresca nel 1960 . Venne incaricata di fondare la  nuova scuola , una scuola di tecnici , in principio chimici , che fornisse  il territorio di quadri intermedi necessari alla    sua industrializzazione .

L’incarico a Teresa Maresca

Chi ha fatto venire ad Arezzo questa oscura docente di Chimica Analitica  napoletana ? Qualcuno  poneva fiducia nelle sue qualità ? L’operazione fu politica , condotta da politici legati al territorio aretino , i quali si rivolsero ad uno “ scienziato dello stato”  tra i più   importanti , Francesco Giordani . E  Giordani indicò loro la sua ex assistente  di cui conservava una grande stima , Teresa Maresca . Fu una felice scelta , perché la scuola nacque . Il primo anno le tre classi  vennero  ospitate in un vecchio , ma dignitoso palazzo in via XX settembre di fronte alla casa del Vasari . L’anno successivo venne traslocata nel complesso della sede della ex GIL , dove si trova ancora dopo cinquantacinque anni .

 

Articoli Correlati

1 comment

blank
Carmine Colella 30 Luglio 2018 - 13:51

Gent.mo Prof. Poeti,
sono un ordinario di Chimica applicata della facoltà d’Ingegneria della Federico Ii di Napoli in quiescenza. Mi occupo attualmente di storia della chimica a Napoli ed ho già pubblicato diversi saggi al riguardo.
Ho letto parecchi dei suoi articoli, che trovo sempre molto ben scritti e informativi. Sono particolarmente interessato all’articolo su Teresa Maresca, perché sto scrivendo un saggio sulla chimica al femminile a Napoli nei primi decenni del Novecento. Le chiedo se quanto ha riportato è tutto quello che è venuto a sapere o se è possibile saperne di più. Non so se lei ha insegnato nella scuola fondata dalla Maresca, ma se è così potrà forse attraverso la segreteria accedere a qualche notizia in più di carattere anagrafico e di carriera. Mi sarebbe molto utile, perché su questi personaggi si trova molto poco su Internet e in letteratura. A parte qualche notizia desunta da annuari, non si ha modo di raccogliere dati, anche i più basilari. Ecco perché ricorro a lei, che per interessi e per vicinanza potrebbe almeno in parte colmare la lacuna.
Ho letto anche quanto ha scritto sulla Bakunin. C’è qualcosa da aggiornare (per esempio che non era figlia di Bakunin). Vorrei inviarle il mio saggio di un paio di anni fa sulla rilettura della vita e della carriera della famosa scienziata napoletana. Se mi fornisce un indirizzo e-mail, glielo invio subito.
Grazie dell’attenzione e vive cordialità,
Carmine Colella

Rispondi

Lascia un commento